Argomenti scottanti Chiudi
 

Docente esperto: chi è, quanto guadagna, come diventarlo, normativa

Nasce il docente esperto, la figura istituita dal Decreto Aiuti bis, un insegnante di ruolo che abbia superato 3 percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili.

Il docente esperto avrà diritto ad un assegno personale, un “bonus” in aggiunta allo stipendio, pari a 5.650 euro all’anno.

In questo articolo vi spieghiamo chi è il docente esperto in base a quanto previsto dal Decreto Aiuti bis, in cosa consiste esattamente e quali sono le sue prerogative e requisiti.

Il docente esperto è una nuova figura di insegnante di ruolo introdotto dall’articolo 39 del Decreto Aiuti Bis approvato al Consiglio dei Ministri del 4 agosto 2022, in attesa di pubblicazione in Gazzetta e di cui vi parliamo in questo approfondimento. La qualifica di prof esperto sarà disponibile a partire dall’anno scolastico 2032 2033, cioè tra 10 anni, e vi accederanno gli insegnanti docenti di ruolo che abbiano conseguito una valutazione positiva per aver superato tre percorsi formativi consecutivi e non sovrapponibili. La nuova figura nasce nell’ambito della riforma del reclutamento e formazione dei docenti recentemente approvata con il Decreto PNRR 2 convertito in Legge. Un pacchetto di interventi che prevede un percorso nuovo di valorizzazione dei docenti.

COME DIVENTARE DOCENTE ESPERTO

I criteri in base ai quali si ottiene la qualifica di docente esperto sono rimessi alla contrattazione collettiva e le modalità di valutazione sono quelle precisate nel regolamento previsto dal comma 9, articolo 16 ter del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 59. Nel caso in cui tale regolamento non viene emanato per l’anno scolastico 2023 2024 le modalità di valutazione saranno definite transitoriamente con Decreto del Ministro dell’istruzione da adottarsi di concerto con il Ministro dell’economia e delle finanze, su cui vi aggiorneremo.

Intanto, il Decreto Aiuti Bis precisa che in sede di prima applicazione, nelle more dell’aggiornamento contrattuale, si applicano i seguenti criteri di valutazione e selezione del docente esperto:

media del punteggio ottenuto nei 3 cicli formativi consecutivi per i quali si è ricevuta una valutazione positiva;
in caso di parità di punteggio diventa prevalente la permanenza come docente di ruolo nell’istituzione scolastica presso la quale si è svolta la valutazione;
in subordine l’esperienza professionale maturata nel corso dell’intera carriera e i titoli di studio posseduti. Se necessario saranno valutati i voti con cui sono stati conseguiti tali titoli.

A decorrere dall’anno scolastico 2036 2037 le procedure per l’accesso alla qualifica di docente esperto saranno soggette al regime autorizzatorio di cui all’articolo 39, comma 3-bis, della Legge 27 dicembre 1997, n. 449, nei limiti delle cessazioni riferite al personale docente esperto e della quota del fondo per tale bonus.

LE FUNZIONI DEL DOCENTE ESPERTO

È bene specificare poi che acquisire la qualifica di docente esperto non comporta nuove o diverse funzioni oltre a quelle dell’insegnamento. Inoltre, il docente qualificato esperto è tenuto a rimanere nell’istituzione scolastica per almeno il triennio successivo al conseguimento della qualifica.

QUANTO GUADAGNA UN DOCENTE ESPERTO

La figura del docente esperto ha diritto a un assegno annuale ad personam di importo pari a 5.650 euro che si somma al trattamento stipendiale dell’insegnante. In pratica, una sorta di “bonus” personale che si aggiunge alla retribuzione per valorizzare il docente specializzato. Un docente esperto guadagnerà quindi il suo stipendio annuo, che va da un minimo di 19.000 euro circa all’inizio della carriera a un massimo di 33.000 euro circa a fine carriera, a cui si il bonus. Ai fini pensionistici e previdenziali le disposizioni previste dalla qualifica, opereranno con effetto sulle anzianità contributive maturate, a partire dalla data di decorrenza del beneficio economico riconosciuto ai prof esperti.

QUANTI SARANNO I DOCENTI ESPERTI

La norma fissa un tetto massimo di 8.000 unità per ciascuno degli anni 2032 2033, 2033 2034, 2034 2035 e 2035 2036. Saranno quindi un totale di 32.000 unità, almeno secondo quanto finora si legge nella bozza del Decreto Aiuti Bis.

LE RISORSE

Per l’istituzione del docente esperto e per la formazione continua degli insegnanti, secondo quanto previsto dal Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 59, saranno stanziate risorse pari a complessivi 17.256.575 euro. Ma, non è stata ancora definita la specifica quota riorganizzata per gli anni di riferimento secondo i dettami del Decreto Aiuti Bi di cui sarà presto reso disponibile il testo ufficiale..

IL BONUS FORMAZIONE INSEGNANTI

Il Decreto Aiuti Bis – articolo 39 –  definisce anche altri aiuti per gli insegnanti, sempre in modifica all’articolo 16 ter del Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 59. In particolare, stabilisce che per gli insegnanti di ruolo di ogni ordine e grado del sistema scolastico statale, al superamento del percorso formativo triennale e solo in caso di valutazione individuale positiva è previsto un bonus. Si tratta di un elemento retributivo una tantum di carattere accessorio, già ribattezzato “bonus formazione insegnanti”, stabilito dalla contrattazione colletti va nazionale, non inferiore al 10% e non superiore al 20% del trattamento stipendiale dell’insegnante.

NORMATIVA, TESTO DEL DECRETO AIUTI BIS

Mettiamo a vostra disposizione il testo della bozza del Decreto Aiuti Bis (Pdf 906 Kb), in attesa della pubblicazione della norma in via definitiva sulla Gazzetta Ufficiale. È bene precisare che le informazioni contenute nella versione provvisoria potrebbero essere state soggette a modifiche e limature da parte del Governo. Vi aggiorneremo, in questo stesso articolo, su ogni novità.

ALTRI APPROFONDIMENTI E AGGIORNAMENTI

Se volete conoscere altri dettagli sulla riforma reclutamento docenti e cosa prevede il Decreto formazione per i docenti, vi consigliamo questo articolo. In questo approfondimento invece, troverete tutte le novità per accedere al mondo dei docenti.

Visitate la nostra pagina riservata ai docenti, per continuare a seguirci e conoscere tutte le novità su assunzioni, concorsi, graduatorie, contratto e normative Iscrivetevi gratuitamente alla nostra newsletter, al nostro canale telegram e alla nostra pagina facebook, per restare aggiornati e avere le notizie in anteprima. E’ inoltre disponibile il gruppo telegram dedicato ai docenti e aspiranti docenti, utile per confrontarsi e avere consigli.

© RIPRODUZIONE RISERVATA.
Tutti gli annunci di lavoro pubblicati sono rivolti indistintamente a candidati di entrambi i sessi, nel pieno rispetto della Legge 903/1977.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter gratuita.

Notizie simili