Argomenti scottanti Chiudi

Call of Duty: Black Ops Cold War, l'analisi dei contenuti introdotti nella Stagione 2 Furiosa

Nessuna novità per Warzone, in compenso tanti nuovi contenuti per lo sparatutto incentrato sulla guerra fredda.

Abbiamo superato da poco il giro di boa della Stagione 2 di Call of Duty: Black Ops Cold War (Voto: 8.4 - Recensione), che ha visto l’arrivo di nuovi contenuti per le modalità multiplayer dello sparatutto di Activision. Tra questi però non c’è stata nessuna novità per Warzone, che lo scorso 10 marzo ha spento la sua prima candelina. Naturalmente tra i fan è serpeggiata un po’ di delusione per la mancata celebrazione di un evento così importante, d’altronde parliamo dell’esperienza battle royale che più di tutte ha macinato record di record a una velocità impressionante.

Bisognerà pazientare ancora prima di vedere cosa Infinity Ward ha in serbo per la battaglia reale a tema Call of Duty, nel frattempo Treyarch ha lenito le delusioni dei giocatori con un nuovo aggiornamento per la componente online di Black Ops Cold War.

La Stagione 2 Furiosa è infatti andata a corroborare ulteriormente ogni singolo aspetto della modalità multiplayer dell'ultimo capitolo della serie, riservando tante sorprese soprattutto per gli amanti di Zombi e apportando una serie di modifiche al bilanciamento di equipaggiamenti e armi da fuoco.

Wolf e Rivas si uniscono alla caccia

La ricerca dell’agente speciale Russell Adler non ha ancora dato i frutti sperati, così Terrell Wolf si è unito alla squadra di Frank Woods, portando nel team le sue abilità di tiratore scelto e cacciatore che potrete sperimentare in prima persona acquistando per 2400 PC (19.99 euro) il bundle a lui dedicato. Anche Karla Rivas è pronta a mettersi sulle tracce di Adler e il suo debutto avverrà invece nelle prossime settimane, dando ai giocatori la possibilità di aggiungerla al roster degli operatori investendo i Punti COD necessari (2400 PC) per lo sblocco del relativo pacchetto.

Silenziosa ed estremamente letale, la balestra Cacciatore di Ombre R1 è perfetta per i giocatori che amano colpire senza lasciare tracce.

Ad accompagnare i personaggi troviamo anche due armi inedite, il fucile da cecchino ZRG 20mm e la balestra Cacciatore di Ombre R1. Entrambe possono essere sbloccate acquistando degli appositi bundle oppure, scegliendo difatti un metodo più economico, completando delle sfide impegnative ma non impossibili da portare a termine. Per mettere le mani sulla balestra Cacciatore di Ombre R1 dovrete ottenere tre medaglie "Un colpo, un morto" con un'arma senza accessori in 15 partite diverse; nel caso dello ZRG 20mm vi sarà chiesto invece di ricevere due medaglie "Colpo a distanza" in 15 match differenti usando un fucile di precisione.

La software house americana ha approfittato del recente aggiornamento per apportare una serie di bilanciamenti alle bocche da fuoco e agli accessori, che potrete verificare dettagliatamente visitando il sito ufficiale del team di sviluppo. Oltre ai cambiamenti sopra riportati, Infinity Ward ha ottimizzato meglio lo spazio occupato da Modern Warfare e Warzone. Le dimensioni della coppia di applicazioni rimangono notevoli, ma i rispettivi aggiornamenti dei due titoli hanno portato a un risparmio complessivo di circa 40 GB.

Sotto il sole di Miami

Per molti giocatori la mappa competitiva Miami presenta un difetto non trascurabile: la sua ampiezza non rende giustizia al gameplay frenetico tipico della serie. Per ovviare ai feedback degli utenti Treyarch ha aggiunto un nuovo scenario, che altro non è che una rivisitazione della cittadina costiera americana. Miami Strike è ambientata di giorno e non più di notte, inoltre è stata aggiornata e ridimensionata per offrire scontri molto più frequenti tra le due squadre. La porzione di mappa presa in esame è quella in cui sorge il Paramour Hotel e l’area Ocean Park Drive, con questa zona che presenta alcune auto in esposizione e dei gazebo che fungono da ripari per il fuoco nemico. Sicuramente Miami Strike piacerà a chi ama lanciarsi nel vivo dell’azione, ma proprio le dimensioni ridotte della mappa faranno storcere il naso di coloro che preferiscono ambientazioni più ad ampio respiro.

Miami Strike è uno scenario decisamente più piccolo rispetto alla versione notturna della mappa Miami.

Contestualmente all’arrivo di Golova nel comparto PvP, lo scenario in questione ospita una nuova modalità di gioco che sfrutta appieno le dimensioni generose della mappa. In Team d'assalto: Hardpoint le dieci squadre composte da quattro giocatori ciascuna si contendono il controllo di cinque aree dislocate in punti che cambieranno posizione ogni due minuti, dando vita una battaglia con continui ribaltamenti di fronte e accesi scontri a fuoco. L’inserimento dell’accoppiata mappa-modalità aiuta a dare di brio a Team d’assalto, una variante di gioco che dopo l’entusiasmo iniziale è stata un po’ snobbata dalla community. Hardpoint non cambia quindi l’impostazione di una modalità che fa della frenesia il suo punto di forza, ma che rappresenta un tallone d’Achille per i giocatori che cercano un approccio più tattico e meno confusionario.

Dal canto suo la modalità Scontro ha ricevuto una nuova mappa, Villa, disponibile anche nei match 3vs3. Questa arena è ripresa dalla missione “Fine della corsa” della campagna single-player, e porta le due squadre a confrontarsi in un lussuoso cortile composto da arcate, fontane e stretti corridoi. La Stagione 2 Furiosa riserverà inoltre un altro carico di aggiunte nelle prossime settimane, quando ci sarà il ritorno di due modalità molto apprezzate come Tornei Scontro e Gioco delle armi Progetto. Le due varianti di gioco non necessitano di tante presentazioni visto che la prima darà modo alla community di sfidarsi in tornei a eliminazioni diretta su Scontro, mentre nella seconda le armi standard saranno sostituite da quelle finemente caratterizzate ed esclusive dei Progetti arma.

L’epidemia continua

Bisogna ammettere che con Epidemia i ragazzi di Treyarch hanno colpito nel segno. Unire alle solide meccaniche di Zombi alcune caratteristiche del comparto PvP ha dato vita a una modalità cooperativa eccezionale, dotata di una profondità tale da poter essere proposta addirittura in versione stand-alone. Il successo di Epidemia non deve sorprendere, così come era lecito aspettarsi altri contenuti che puntualmente sono arrivati con il recente aggiornamento stagionale. Prima di tutto bisogna segnalare che la versione notturna di Sanatorium è entrata a far parte degli scenari giocabili di questa modalità, allo stesso modo in cui la moto da cross figura ora tra i veicoli da usare per muoversi velocemente lungo la mappa.

In Contenimento Carneficina non dovrete più preoccuparvi di seguire il continuo spostamento della sfera di etere oscuro.

Conquista è invece la nuova missione disponibile per Epidemia, che chiede al team Requiem di uccidere una gran quantità di zombi all’interno di un perimetro specifico. L’impresa non sarà una passeggiata di salute visto che la squadra di operatori dovrà preoccuparsi pure di difendere due razzi situati in aree distanti tra loro, con le postazioni di lancio che raccoglieranno l’Etere rilasciato dai non morti uccisi. Al fine di espandere l’universo narrativo di Zombi sono state inseriti diversi anche documenti da recuperare esplorando la mappa Sanatorium.

Anche Contenimento Carneficina rientra tra le gustose novità dell’update stagionale, rivelandosi una gradita variazione sul tema. La differenza sostanziale è che in questa variante della modalità classica la sfera di etere oscuro non viaggia più da un capo all’altro della mappa, ma amplia il suo raggio e permette ai giocatori di muoversi liberamente negli scenari. Le sessioni di Contenimento Carneficina non si svolgono sulle arene del multiplayer classico, bensì sono state proposte nelle ambientazioni della modalità Scontro come U-Bahn, Game Show, KGB e ICBM. Dulcis in fundo, i Progetti arma possono essere finalmente applicati anche in tutte le modalità cooperative di Zombi, incluse Firebase Z e Die Maschine.

E Warzone? Come già accennato in apertura di articolo la modalità battle royale non ha ricevuto nessun contenuto di rilievo, ma non è da escludere che ci siano grosse novità in questa seconda metà della Stagione 2. Qualcosa bolle sicuramente in pentola (ormai da tanto, troppo tempo) e le ultime voci di corridoio parlano di un restyling a tema anni ’80 per Verdansk, con la mappa originale che dovrebbe essere rivisitata per uniformarsi alla tematica portante di Black Ops Cold War.

Resta comunque in piedi il rumour che vuole l’ambientazione russa essere rasa al suolo dopo un invasione zombie. Come sempre vi terremo aggiornati in caso di novità, quindi non perdete di vista IGN Italia per non perdere nessuna novità dedicata a Call of Duty.

Notizie simili
  • Call of Duty Warzone: un glitch delle Porte Rosse rende invisibili
  • PlayStation Plus, luglio 2021: A Plague Tale: Innocence e Call of Duty: Black Ops 4
  • XM4 fortemente consigliato in long range da JGod; Street, MP5 e C58 le armi più usate ai K/D superiori
  • Call of Duty | Black Ops Cold War | stasera si conclude il GroupStage dell'ESL Flowe Championship – Notizia – PS5Videogiochi per PC e console | Multip
  • Call of Duty: Black Ops Cold War: stasera si conclude il GroupStage dell'ESL Flowe Championship
  • COD, Booker T. perde la causa contro Activision
  • Rambo e John McClane arrivano davvero in Call of Duty! (foto)
  • Call of Duty Warzone, il numero dei bannati impressiona (ma non è finita)
  • Xbox: annunciata una collaborazione con lo sviluppatore di CoD Mobile
  • COD Cold War: l'Easter Egg di Outbreak in arrivo con l'update di metà Stagione 3
  • Call of Duty Stagione 3, la più ambiziosa di sempre. Ecco le novità
  • Call of Duty: Warzone si prepara all'arrivo di John McClane?
  • Call of Duty, doppiatore di Ghost accusato di sessismo: Activision interrompe i rapporti
  • Sledgehammer è lo sviluppatore del capitolo di Call of Duty in uscita quest'anno
  • Ancora per poco aperte le iscrizioni per la PSC International Cup di COD Mobile
  • Call of Duty: Warzone, l'upgrade next-gen è in sviluppo: in arrivo 120 fps e tempi di caricamento ridotti
  • Super League: quindi il Calcio ha paura di Fortnite?
  • Call of Duty: Warzone, aggiornamento disponibile (preludio all'esplosione)
  • Call of Duty: Warzone, DLSS in arrivo a breve per le schede NVIDIA
  • Le Sykov sono “rotte”, sregolate e con un TTK bassissimo: per alcuni esperti è già tempo di nerf!