Argomenti scottanti Chiudi
 

Stipendi, in arrivo aumento-decontribuzione fino a dicembre per chi percepisce non oltre 2.692 euro lordi al mese. Anief: bene, ma è un altro palliati

Sul fronte della povertà stipendiale dei dipendenti, il Governo si rende conto della gravità della situazione e propone un’altra “mancia”: dopo il bonus 200 euro per combattere il caro energia, grazie al sindacato allargato ai precari della scuola fino al 30 giugno, attraverso il Decreto Aiuti Bis starebbe intervenendo sugli stipendi con un aumento all’1% frutto della decontribuzione dei redditi. Si tratta di un provvedimento, che in settimana dovrebbe avere il sì finale del Consiglio dei ministri, che riguarda però solo i lavoratori con redditi lordi fino a 35 mila euro o con imponibile fino a 2.692 euro lordi al mese. E non si tratta nemmeno di una misura strutturale, perché decadrebbe il prossimo 31 dicembre. Per i lavoratori della scuola la decontribuzione, secondo le prime stime, potrebbe portare un aumento fino a 62 euro mensili per un docente della scuola secondaria con 10 anni di anzianità.

“Si tratta di misure che non possono di certo essere disprezzate – commenta Marcello Pacifico, presidente nazionale Anief – perché in una situazione economicamente difficile come quella che stiamo vivendo, tutte le iniziative che il Governo approva per venire incontro al personale vanno bene accolte. Ancora di più per i lavoratori della scuola, costretti a percepire lo stipendio del 2018, che è anche tra i più bassi della pubblica amministrazione e anche in Unione europea. Ma si tratta sempre di palliativi, che peraltro non andranno a tutti dipendenti”.

“Per questo motivo rimaniamo sempre convinti che bisogna fare di tutto per sottoscrivere il prima possibile quel ‘contratto ponte’ per il periodo 2019/2021 che Anief voleva chiudere entro l’estate, portando nelle tasche (sempre più vuote) dei 936.065 docenti e 209.492 Ata, rispettivamente, fino a 123 euro e fino a 97 euro. Più una somma che va tra i 2mila e i 3mila euro di arretrati. Questo non è stato possibile, per l’opposizione degli altri sindacati. Noi, comunque, non ci rassegniamo e a settembre torneremo a farci sentire all’Aran, quando saremo riconvocati per un nuovo confronto sul Ccnl 2019/21. Del resto, anche l’anteprima dei dati Eurydice 2022 ci ha detto che dopo un decennio di carriera professionale i docenti italiani accumulano in media circa 7.800 euro di divario rispetto a quanto accade ai colleghi europei. E a fine carriera, dopo 35 anni di servizio, il gap – conclude Pacifico - diventa di oltre 11 mila euro”.

LA MISURA IN VIA DI APPROVAZIONE

In pratica, spiega la stampa specializzata, “i lavoratori (sia i dipendenti pubblici che quelli privati) si troveranno in busta paga una somma che ordinariamente va invece allo Stato come contributo per la pensione”, senza che però questa venga intaccata “La riduzione del versamento attualmente in vigore, che si traduce in corrispondente incremento in busta paga, è dello 0,8 per cento. Ora si aggiungerà un ulteriore taglio dell’1 per cento, per cui l’aliquota contributiva a carico del lavoratore scenderà temporaneamente al 7,39% (dall’originario 9,19%).

PER APPROFONDIMENTI:

Stipendi, Anief attiva il calcolatore rapido per verificare le differenze retributive spettanti

Ai precari negati scatti stipendiali, mensilità estive e carriera: arriva il Calcolatore Anief che stima il credito avanzato

Precari, malpagati pure da immessi in ruolo: il giudice gli riconosce migliaia di euro di arretrati e fa scattare lo stipendio maggiore

Ogni mese agli insegnanti e Ata precari negati fino a 257 euro, il Tribunale del Lavoro di Mantova dice che non si può fare

Ai docenti supplenti va assegnato lo stesso stipendio dei colleghi di ruolo, a Crotone il giudice dà ragione al sindacato: interessati in 300mila

Stipendi, assegnare la Retribuzione professionale docenti anche ai precari, nuova sentenza a Forlì: il supplente ha diritto a circa mille euro l’anno di arretrati, pure gli Ata e il personale “Covid”

Supplenti con stipendio ridotto, anche a Modena il giudice del lavoro risarcisce per RPD e CIA negati

Supplenti, le ferie non godute vanno pagate: lo dice il Tribunale di Como

Pagare ai supplenti i giorni di ferie non utilizzati, il giudice ordinario di Parma non transige

Precari con stipendio “accorciato”, a Reggio Emilia il giudice restituisce il maltolto alla docente che recupera 164 euro al mese

Anche il personale Ata può chiedere il riconoscimento di tutto il servizio pre-ruolo, a Modena il giudice indennizza un’amministrativa con 2mila euro e la colloca su scaglione superiore

Docente assunta nel 2010 chiede la valutazione completa del servizio pre-ruolo: il Tribunale di Sassari gli dà ragione risarcendola con oltre 4.200 euro più interessi e facendola salire di livello

Collaboratrice scolastica con 10 anni di pre-ruolo, il giudice glieli fa valere tutti ai fini della carriera: ottiene il risarcimento e lo stipendio maggiorato perché collocata in un “gradone” più alto

Emergenza Covid19 finita, Anief chiede al Ministero di rinnovare il Cspi: pubblichi l’ordinanza

Obbligo vaccinale e reclutamento docenti, Pacifico (Anief): “Tuteliamo le risorse che abbiamo all’interno delle nostre scuole”

La lezione negata ai 4mila docenti non vaccinati costa allo Stato 10 milioni al mese, Pacifico (Anief): è danno erariale

Sui 4mila docenti fuori delle classi ora pure diversi parlamentari (pure del Governo) alzano la testa: la contrarietà negli interventi della XII Commissione della Camera. Anief: la protesta si allarga

Obbligo vaccinazione docenti, per Anief è incostituzionale: la Camera ha l’opportunità di sanare il problema

Cambiare il decreto Ucraina per salvare il prossimo anno scolastico, lo chiede Anief attraverso una serie di emendamenti

Decreto Ucraina, gli emendamenti Anief salva-Scuola giunti alla prova del nove in Senato

1° MAGGIO - Scuola, quando il lavoro è vergogna di Stato: 700mila precari a sperare ogni estate in una professione impossibile

La riforma “lacrime e sangue” su reclutamento e formazione taglia la carta del docente e 10mila cattedre. Anief non ci sta e sciopera: per realizzare aumenti una tantum selettivi si compromette l’ordinario

Riforma reclutamento e formazione docenti, si mobilitano tutti i sindacati. Pacifico (Anief): venerdì diverse scuole rimarranno chiuse e sarà solo l’inizio, il decreto 36 va ritirato

Concorso straordinario per 14.420 nuovi docenti della secondaria, bando in arrivo. Anief chiede l’avvio della procedura anche per i maestri d’infanzia e primaria

Concorso straordinario bis per 14mila docenti di medie e superiori, Anief presenta ricorso per far partecipare maestri dell’Infanzia e Primaria, specializzati su Sostegno e supplenti Paritarie. In soccorso

Concorso straordinario bis, domande entro metà giugno. L’azione legale del sindacato Anief per tutelare gli esclusi

Concorso straordinario bis secondaria, i docenti delle paritarie non possono partecipare: Anief si rivolge al giudice dopo avere già vinto in Consiglio di Stato nel 2020

Concorso straordinario bis, quei numeri che non tornano per stabilizzare i precari della scuola italiana: ed è già ricorso

Concorso straordinario bis per 14mila docenti secondaria, una settimana ancora per candidarsi: previste non più di 50mila domande. Per Anief si doveva aprire a Infanzia, Primaria e Sostegno, pronti i ricorsi

STRAORDINARIO BIS: ANIEF chiede che le graduatorie siano utilizzate fino al loro esaurimento e apre le preadesioni al ricorso

Concorso straordinario bis per 14mila prof secondaria, al via le prove orali tra le incertezze

Concorso straordinario bis, arrivano le prime convocazioni per l’unica prova orale: Anief chiede l’inserimento nelle graduatorie di merito di tutti i partecipanti e l’utilizzo fino al loro esaurimento

Concorso straordinario bis, non sarà veloce per tutti: diversi rinvii in autunno. Per Anief è “fisiologico” ma ciò che conta ora è l’inserimento nelle graduatorie di merito di tutti i partecipanti, partono i ricorsi

Rinnovo del contratto, domani nuovo incontro all’Aran. Pacifico (Anief): servono risorse fresche per realizzare interventi strutturali, il bonus da 200 euro non annulla l’inflazione schizzata al 10%

Rinnovo contratto, ecco gli aumenti complessivi medi del 5% per 1.145 milioni di lavoratori se si firmasse ora: da 103 lordi fino a 123 euro per i docenti, da 88 euro fino a 97 per gli Ata

Notizie simili