Argomenti scottanti Chiudi
 

DHL, Microsoft e WhatsApp tra i marchi più imitati nelle e-mail truffa

Sicurezza

È DHL il brand più sfruttato nelle e-mail truffa dell’ultimo anno. È quanto emerge da una indagine di Check Point Research che ha reso noti i marchi più sfruttati dai cybercriminali, riferendo che DHL è al primo posto per le comunicazioni “phishing”, seguito da Microsoft, WhatsApp e Google.

Con l’aumento dei casi Covid e l’inizio delle vacanze a dicembre, DHL ha messo fine al lungo regno di Microsoft come il brand più emulato dai criminali informatici, riferisce Check Point. I social media consolidano la loro posizione tra i primi tre settori più copiati nei tentativi di phishing – WhatsApp e LinkedIn i più imitati, rispettivamente al terzo e quinto posto. Amazon è al sesto posto.

Per la prima volta, DHL haconquistato il primo posto in questa speciale classifica, sostituendo Microsoft come il brand maggiormente preso di mira in truffe phishing, in quanto gli hacker hanno cercato di approfittare dei consumatori online vulnerabili durante il periodo più intenso dell’anno.

Il report dell’ultimo trimestre 2021, rafforza anche un trend emerso nel trimestre precedente che vede i social media consolidare la loro posizione tra i primi tre settori più copiati nei tentativi di phishing. Mentre Facebook è scomparso dalla top10, WhatsApp è passato dalla sesta posizione alla terza, e ora rappresenta l’11% di tutti i tentativi di phishing. LinkedIn è passato dall’ottava posizione alla quinta.

DHL, Microsoft e WhatsApp tra i marchi più imitati nel phishing

DHL, Microsoft e WhatsApp tra i marchi più imitati nel phishing

“È importante ricordare che i criminali informatici sono prima di tutto degli opportunisti”, spiega Omer Dembinsky, Data Research Group Manager di Check Point Software. “Nei loro tentativi di rubare dati personali o di distribuire malware sul sistema di un utente, spesso approfittano delle tendenze legate ai consumatori imitando brand popolari. Lo scorso trimestre, per la prima volta, abbiamo visto DHL in cima alla classifica dei brand più imitati, presumibilmente per sfruttare l’impennata di nuovi e potenzialmente vulnerabili acquirenti online durante il periodo più intenso dell’anno.

Gli utenti più anziani in particolare, che hanno meno probabilità di essere tecnologicamente esperti rispetto ai più giovani, faranno acquisti online per la prima volta e potrebbero non sapere cosa cercare quando hanno a che fare con e-mail di conferma della consegna o aggiornamenti del tracking. Inoltre, l’aumento dei casi Covid ha fatto sì che le persone si affidino maggiormente ai servizi di spedizione, e i cyber criminali stanno probabilmente cercando di sfruttare le persone che scelgono di stare di più in casa.

DHL, Microsoft e WhatsApp tra i marchi più imitati nel phishing
Finta (a sinistra) e vera pagina web di PayPal

“L’ultimo trimestre ha anche confermato ciò che molti di noi si aspettavano”, prosegue Dembinsky, “Che i social media avrebbero continuato ad essere presi di mira, approfittando di coloro che si appoggiano maggiormente a canali come WhatsApp, Facebook e LinkedIn.

Purtroppo, brand importanti come DHL, Microsoft e WhatsApp rappresentano i primi 3 più bersagliati dal phishing nell’ultimo trimestre. È molto facile per le persone trascurare cose come domini scritti male, errori di battitura, date errate o altri dettagli sospetti, e questo è ciò che apre la porta a ulteriori danni. Invitiamo tutti gli utenti ad essere molto attenti a questi dettagli quando avranno a che fare con DHL nei prossimi mesi”

Per tutte le notizie sulla sicurezza informatica vi rimandiamo a questa sezione di macitynet.

Notizie simili